“Lardo ai giovani!”: la XXII edizione di Ristorexpo riparte dalla forza e dalla creatività dei nostri giovani, linfa vitale imprescindibile per il settore.

Ristorexpo – Lardo ai giovani, il salone dedicato ai professionisti del Fuori Casa, ritorna a Lariofiere dopo il grande successo ligure dello scorso Ottobre, negli spazi della Fiera di Genova.

Con alle spalle un patrimonio consolidato di 21 edizioni, Ristorexpo affianca all’offerta espositiva un fitto programma di eventi, proponendo al pubblico un tema di riflessione importante: quello del futuro della cucina e dell’enogastronomia nostrana. Tema di questa XXI edizione è “Lardo ai giovani”, gioco di parole che – di fatto – ripone il futuro nelle mani delle nuove generazioni, nella loro freschezza e voglia di fare.

Giovanni Ciceri, ideatore e curatore della mostra, racconta: “Il mondo dell’enogastronomia arriva al 2019 con una grande incognita riguardo al futuro: mentre la cucina diventa sempre più un’arte, i risultati importanti stentano ad arrivare. Continua a delinearsi una non tendenza di pensiero che, di conseguenza, genera l’esigenza di reperire nuove idee. La novità non esiste; si assiste ad un remake di vecchi clichè proposti in modo diverso e composti tra loro. Questa lunga premessa per dire che la vera nouvelle vague può venire solo dai giovani a cui è fondamentale infondere nuovo coraggio e fornire gli strumenti culturali, tecnici e spirituali per affrontare questo storico passaggio. Quindi, spazio alle nuove generazioni; lasciamo che siano loro a scegliere la strada da percorrere. A chi ha maggiore esperienza, il compito di mettere a disposizione i convincimenti e le poche certezze, senza le quali non è possibile proseguire. Da qui la concretezza e la brutalità del lardo, per indicare non solo il passato e la tradizione ma anche per sottolineare la sostanza e le basi solide su cui fondare la rinascita del pensiero enogastronomico”.

Per discuterne e fare “lardo ai giovani”, Ristorexpo 2019 ha voluto coinvolgere numerosi personaggi, tra famosi ed emergenti, del panorama gastronomico italiano e internazionale. Primo tra questi Niko Romito, 45 anni e già tre stelle Michelin, con la sua scuola di formazione – l’Accademia Niko Romito – e le storie dei tanti giovani che ha visto crescere e formarsi prendendo esempio dalla sua storia personale unica. Per non parlare dei ragazzi della Healthy Boy Band, tre giovani cuochi austriaci che nascondono dietro ad un look tutto barbe e tattoo un percorso professionale fatto di tanto studio, estro e divertimento in cucina.

Ad alternarsi sul palco di Ristorexpo anche talenti italiani emergenti: Gianni Dezio del Ristorante TOSTO di Atri (AQ), Giuseppe Iannotti del KRESIOS di Telese Terme (BN), Francesca Barreca e Marco Baccanelli – “The Fooders” – del Ristorante Mazzo di Roma, con il loro nuovo progetto “On the road”, Luciano Monosilio del ristorante e pastificio Luciano di Roma e i giovani chef dell’Osteria 99 di Chiesa Valmalenco.

Ovviamente Ristorexpo non dimentica gli amici di sempre. Tra questi Cristiano Tomei, Mauro Elli, Davide Caranchini, Federico Quaranta, Herbert Hintner, Giacomo Mojoli, Anna Morelli, Andrea Petrini e Valeria Piccini, ospite della cerimonia inaugurale per ritirare il Premio alla Carriera Ristorexpo 2019.

Ristorexpo 2019 è questo e tanto altro: una ricetta esplosiva fatta di persone, storie e talenti che si incontrano a Lariofiere per una grande festa di storie, gusti e profumi!