YOUNG CUP

Concorsi
Ristorexpo

Concorso Nazionale

per Team Allievi

Trofeo Cesare Chessorti

Il concorso mette a confronto team composti da allievi di cucina, sala e vendita provenienti da scuole, istituti e centri di formazione professionale.

PIÙ INFO
OBIETTIVO:
L’obiettivo del concorso è la valorizzazione del percorso formativo di ogni scuola attraverso il coinvolgimento di team che sviluppino, con creatività e fantasia, una propria idea di ristorazione. Il concorso vuole valorizzare in particolare le seguenti competenze:

  • tecniche di cucina
  • tecniche di sala
  • tecniche di bar
  • merceologiche
  • enogastronomiche
  • di comunicazione verbale
  • di comunicazione digitale

COMPOSIZIONE DEI TEAM:
Ogni team dovrà essere composto da 6 allievi (ogni allievo, regolarmente iscritto alle rispettive associazioni di categoria, può partecipare al concorso con un solo team), un docente o tutor che potrà accompagnare il team fino al desk dell’accoglienza e per nessuna ragione potrà intervenire nella competizione, pena la squalifica del team.
Si partecipa in perfetta divisa professionale definita dalle associazioni di categoria. Per deroghe a questa divisa è necessario fare richiesta direttamente all’organizzazione per opportune valutazioni.

LE PROVE:

  • Cucina – realizzazione di un menu di due portate. Impiattamento.
  • Sala – accoglienza cliente, mise en place, centro tavola, servizio del menu di due portate e abbinamento vini.
  • Bar – Preparazione e servizio di un aperitivo analcolico con uno snack da bar e un digestivo con bassa gradazione alcolica.
  • Spot – elaborazione di uno spot di 2′ che promuova la scuola e il tema della proposta gastronomica del team.

Concorso Nazionale

per Allievi (singoli)

Trofeo Luigi De Santis

Il concorso, a partecipazione individuale, è riservato agli allievi dei corsi di istruzione e formazione professionale iscritti alla che frequentano almeno il 2° anno di corso.

PIÙ INFO
La partecipazione è riservata agli allievi dei corsi di istruzione e formazione professionale iscritti alla Federazione Italiana Cuochi, che frequentino almeno il secondo anno di corso.

Il concorrente, assistito da un helper, dovrà cucinare in diretta ½ kg di riso. Tempo un’ora. Obiettivo presentare tre piatti di riso alla giuria e distribuire al pubblico assaggi in piccoli contenitori monouso con coperchio (nel rispetto delle normative igienico sanitarie e delle procedure emergenziali in vigore).

La ricetta dovrà contenere e valorizzare almeno un prodotto tipico della regione Lombardia che rientri nelle categorie DOP, IGP oppure PAT (Prodotti Agroalimentari Tradizionali). Tutte le informazioni relative ai prodotti tipici e gli elenchi degli stessi sono consultabili nell’area “Prodotti” del sito internet: www.buonalombardia.regione.lombardia.it

Ogni concorrente dovrà presentare il suo piatto in dieci slide da proiettare al momento in fiera su apposito schermo. Le slide potranno contenere indicazioni in merito alla ricetta, ai prodotti tipici, immagini, curiosità e altri contenuti che possano valorizzare quanto preparato. Inoltre, il concorrente dovrà presentare una copia della ricetta (una sola cartella A4). Attenzione le ricette (complete di ingredienti, esecuzione, segnalazione allergeni) devono rispettare una redazione precisa in grammi per 10 persone e devono utilizzare i verbi al tempo infinito – es. Preparare, cuocere, tagliare (vedi istruzioni per scrivere una ricetta allegate al bando)

L’organizzazione metterà a disposizione dei partecipanti:

  • laboratorio a vista provvisto di impianti convenzionali di base (piastre a induzione, lavandino)
  • ½ kg di riso Carnaroli Neorurale Hub
  • brodo di carne
  • brodo vegetale

Il concorrente dovrà provvedere in modo autonomo a tutti restanti approvvigionamenti e alle attrezzature necessarie.

Helper: gli assistenti possono svolgere solo funzione di scarico e carico materiali. Da quando inizia la gara può rimanere vicino al concorrente solo per aiuto al lavaggio e al riordino degli strumenti di lavoro. È fatto divieto all’helper di manipolare le derrate e intervenire nelle operazioni di cucina.

ABBIGLIAMENTO:
Tutti i partecipanti (concorrenti e helper) hanno l’obbligo di indossare, durante la gara e al momento della premiazione, la giacca bianca da cuoco, pantaloni neri, scarpe nere antinfortunistiche e cappello da cuoco bianco (per deroghe a questa divisa è necessario fare richiesta direttamente all’organizzazione per opportune valutazioni) non si possono indossare orecchini, scarpe da ginnastica, orologio, monili ed altro fuori ordinanza come da regole HACCP; per cui chi non veste con l’abbigliamento corretto non potrà partecipare alla gara e di conseguenza alla premiazione.

TEMPISTICA:
L’organizzazione comunica data e ora della competizione. Il concorrente si deve presentare al desk concorsi un’ora prima e consegnare la ricetta e la chiavetta USB con le slide.
La gara prevede un’ora di tempo così suddivisa:

  • 10 minuti per il controllo dei prodotti (garantire le normative HACCP sia confezionamento e trasporto)
  • 35 minuti per cucinare e per l’allestimento dei tre piatti per la giuria
  • 15 minuti per pulizia e riassetto postazione

Il ritardo entro i 5 minuti sarà quantificato con una decurtazione di 3 punti; oltre i cinque minuti il punteggio verrà decurtato di un punto per ogni minuto ulteriore. A fine gara, dopo la premiazione, i giudici sono a disposizione per il Feedback con il concorrente previo appuntamento al desk concorsi.

SONO AMMESSE:

  • Verdure sbucciate, lavate ma non tagliate, tornite o porzionate
  • Insalate sfogliate, lavate ma non tagliate e mischiate
  • Carni disossate ma non parate o porzionate
  • Pesce eviscerato, decapitato ma non sfilettato
  • Tranci o darne di pesci di grande pezzatura (tonno, spada, ricciola, ecc.)
  • Fondi, brodi pronti ma non ridotti e salati
  • Le decorazioni (es: cialde) devono essere prodotte sul posto